Come si fa la birra. Le fasi produttive della birrificazione
609
page-template-default,page,page-id-609,qode-quick-links-1.0,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Come si fa la birra

scopriamo le fasi principali della produzione della birra

MALTAZIONE

Per prima cosa si deve preparare e accudire l’orzo (o qualsiasi altro cereale utilizzato), facendolo germogliare in acqua per un paio di giorni e facendolo poi germinare per circa una settimana.

Finita questa fase il malto è pronto per la successiva fase di essiccazione (o torrefazione), fase necessaria per far terminare il processo di germinazione.
L’orzo maltato viene macinato e fatto diventare come farina, per essere poi miscelato con acqua tiepida. Dopodichè la temperatura di questa miscela viene innalzata fino a 65-70 gradi centigradi. Qui termina la prima fase della produzione della birra, in cui il malto si trasforma in mosto.

MASH

Il mosto viene separato dalle trebbie e passa alla cottura: viene messo in una caldaia e fatto bollire per un periodo che varia fra 1 ora e 2 ore e mezza (a seconda del tipo di birra che si desidera produrre) . In questa fase, viene anche aggiunto il luppolo per conferire alla birra il suo particolare gusto amarognolo e il suo inconfondibile aroma.

Il mosto viene fatto poi raffreddare e viene portato alla temperatura adatta alla fermentazione (4-6 gradi per le birre a bassa fermentazione, 15-20 per quelle ad alta fermentazione), nella quale può accadere che venga immesso nel mosto un po’ di ossigeno.

FERMENTAZIONE E MATURAZIONE

La fermentazione è divisa in due fasi: fermentazione principale e fermentazione secondaria (maturazione). Qui entra in gioco il lievito, la cui quantità e la temperatura alla quale viene aggiunto varia a seconda del tipo di birra da produrre.

Nella fermentazione secondaria, invece, la birra prodotta viene messa a maturare in dei tini ad una temperatura che oscilla fra i 0 e i 2 gradi centigradi per 4-5 settimane circa (quelle più pregiate possono essere fatte maturare anche per dei mesi).

Alcune birre, però, vengono prodotte utilizzando la fermentazione naturale (o spontanea): queste birre, generalmente di frumento, vengono prodotte nei dintorni di Bruxelles e sfruttano gli lieviti presenti nell’aria.

Altre birre ancora, hanno una terza fase di fermentazione, la cosidetta “fermentazione in bottiglia”: prima dell’imbottigliamento viene aggiunto del lievito che fa in modo di aumentare il tasso alcolico della birra. Birre di questo tipo sono solitamente quelle di abbazia e le strongale, e alcune birre bianche (che riescono a mantenere un tasso alcolico abbastanza basso).

Alla fine di questo periodo la birra viene filtrata (per eliminare i residui) e imbottigliata o infustata, a seconda della destinazione.

Per alcune birre vi è infine un’ultima fase di preparazione: la pastorizzazione che serve a eliminare gli ultimi batteri presenti, al fine di aumentarne la conservazione.

Quelle riportate sono, più o meno, le fasi di preparazione di una birra a livello industriale (per l’homebrewing consultare l’apposita sezione).

Articoli Correlati

Fare una buona birra in casa? È tutta una questione di malto. Sapore, colore e grado alcolico della birra dipendono in gran parte dalla scelta del malto. Per farla semplice, con malti semplici otterrai birre chiare, leggere e più fresche. Con malti torrefatti, o caramellati,......

Per chi (come me) è un amante del luppolo, il dry hopping è una tecnica di luppolatura assolutamente da provare. Si tratta semplicemente di aggiungere il luppolo a freddo, in fase di fermentazione, in modo da preservare il più possibile i suoi aromi, senza aggiungere......

Piccolo riassunto sugli step da seguire per l’autoproduzione della birra in casa. Ovviamente questi step sono generici e non devono essere presi come un Dogma valido per tutti gli stili e tutte le tecniche di produzione. 1 > Mash: la preparazione del mosto partendo dai......

Prima regola d’oro del buon homebrewer: “pulizia, pulizia e ancora pulizia!”. Tutto quello che viene utilizzato nel corso della produzione deve essere sanitizzato. Per fare questo si possono utilizzare differenti prodotti: candeggina diluita, amuchina, potassio metabisolfito. Qualunque sostanza utilizzate, l’importante è il risultato finale: tutta......

Prima regola d’oro del buon homebrewer: “pulizia, pulizia e ancora pulizia!”. Tutto quello che viene utilizzato nel corso della produzione deve essere sanitizzato. Per fare questo si possono utilizzare differenti prodotti: candeggina diluita, amuchina, potassio metabisolfito. Qualunque sostanza utilizzate, l’importante è il risultato finale: tutta......

Provata a pensare alla gioia e all’orgoglio di dire ai vostri amici: “ecco, questa è la mia birra: l’ho fatta io!!”. Ebbene sì: farsi la birra in casa non è un’utopia anzi, è più semplice di quanto si possa immaginare!! Si possono seguire divese tecniche,......

A volte può essere difficile ottenere una birra limpida per noi homebrewer. I birrifici commerciali usano tecniche quali filtri e pastorizzazione per eliminare la torbidità dal prodotto finale. Ma non è necessario arrivare ad utilizzare queste tecniche per ottenere una birra cristallina: si possono seguire......

Facendo ordine fra i miei vecchi appunti birraioli ho trovato un vecchio documento sui batteri lattici e sul loro utilizzo nella produzione casalinga della birra. Si tratta di un incontro di Atelier Birra che si svolgeva tempo fa presso il Birrificio Italiano. I batteri lattici......

Il partial mash è una tecnica di birrificazione che si colloca a metà strada fra la produzione da estratto, e la produzione all-grain, a mio avviso è un buon metodo per passare gradualmente all’all-grain, che permette di prendere un minimo di confidenza con le varie......