Pils Pride 2014 – il mio resoconto

Pils Pride 2014 – il mio resoconto

Pils Pride 2014Nel primo pomeriggio di sabato sono stato al Pils Pride; per vari motivi personali è stata una visita mordi e fuggi, per cui ho assaggiato solo alcune birre, cercando di focalizzarmi su quelle che non conoscevo o che non ricordavo.

Il livello delle birre presenti era alto: come ormai accade negli ultimi anni la selezione delle birre presenti è fatta a dovere e i birrai ospiti sono attenti a non fornire birre con difetti evidenti.
Questo permette di assaggiare un buon numero di pils di ottimo livello, di confrontare i diversi stili. Le differenze si notano soprattutto con quelle straniere, più in line con la tipologia classica, mentre nelle italiane generalmente si trova una luppolatura più abbondante e un uso massiccio del dry-hopping.

Essendo stata una visita veloce non ho molto altro da riportare, se non che per un amante di questo stile come il sottoscritto è sempre un piacere poter assaggiare così tante pils e fare quattro chiacchiere con altri appassionati.

Se dovessi dire quale fra quelle assaggiare ho preferito maggiormente, direi che la O.G. 1056 di Birra del Carrobiolo mi ha colpito positivamente: un birrificio di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza, che però ha prodotto una pils molto buona ed equilibrata. Raccogliendo i commenti anche di altri partecipanti direi che non sono stato l’unico ad averla apprezzata.

Ora non resta che aspettare l’edizione #9 del #pilspride.

Tags: