Luppolo in Dry Hopping per migliorare l'aroma della birra
698
post-template-default,single,single-post,postid-698,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Dry Hopping per migliorare l’aroma di Luppolo

luppolo

Dry Hopping per migliorare l’aroma di Luppolo

Per chi (come me) è un amante del luppolo, il dry hopping è una tecnica di luppolatura assolutamente da provare.
Si tratta semplicemente di aggiungere il luppolo a freddo, in fase di fermentazione, in modo da preservare il più possibile i suoi aromi, senza aggiungere amaro alla birra.

Generalmente il luppolo viene aggiunto in fase di bollitura, oppure subito dopo, prima di travasare il mosto nel fermentatore e prima di inoculare il lievito. Aggiungendolo in questa fase si estraggono gli alpha acidi che donano l’amaro alla birra: aggiungendolo nelle prime fasi della bollitura si estraggono più alpha acidi ma l’aroma evapora, aggiungendolo alla fine della bollitura gli aromi permangono ma si avrà una birra meno amara. Generalmente si fa un mix con diverse aggiunte a intervalli più o meno regolari, magari anche usando varietà differenti di luppolo a seconda del risultato che si desidera ottenere.