Come scegliere il malto per la birra fatta in casa - homebrewing
1387
post-template-default,single,single-post,postid-1387,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_updown,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Come scegliere il malto per la birra fatta in casa

Come scegliere il malto per la birra fatta in casa

maltoFare una buona birra in casa? È tutta una questione di malto. Sapore, colore e grado alcolico della birra dipendono in gran parte dalla scelta del malto. Per farla semplice, con malti semplici otterrai birre chiare, leggere e più fresche. Con malti torrefatti, o caramellati, la birra avrà un sapore più deciso e sfaccettato.

Il malto è il frutto della trasformazione di orzo – il cereale più usato -, frumento, segale o avena. La lavorazione è semplice. I chicchi di cereali restano a bagno nell’acqua per circa 48 ore, per poi essere germinati per 5 o 6 giorni. La fase cruciale è quella successiva, ossia l’essiccazione, che avviene in appositi forni – talora all’essiccazione si sostituisce la torrefazione. L’essiccazione dà origine a chicchi con colori e aromi diversi: i più chiari daranno sapori più freschi e vegetali, quelli più scuri avranno aromi con note tostate.

Per fare la birra si possono miscelare anche otto o nove tipi di malti diversi. Chi è alle prime armi e vuole farsi la birra in casa con il kit, invece, può usare gli estratti di malto preparati: ingrediente già pronto che rende assai semplice la produzione della nostra bevanda preferita. In commercio, anche su Internet, si possono trovare estratti di malto liquidi e secchi, luppolati e non luppolati, che facilitano il lavoro dell’homebrewer.

Se è la prima volta che provi a fare la birra in casa, ti consiglio di partire con un kit di malto già luppolato, più facile da usare. Se scegli un malto non luppolato, tieni conto che dovrai aggiungere il luppolo (o i luppoli) per dare alla tua birra l’aroma e il gusto amaro desiderato.

Un consiglio?

Nella preparazione della birra in casa, il malto non luppolato diventa un’ottima alternativa dello zucchero, in quanto rende la birra meno secca e più corposa.

Fra gli estratti di malto più usati ci sono

  • Il Light, ricavato dall’orzo, usato per produrre birre chiare, dal sapore secco e non troppo alcoliche, tipo Pilsner e Lager.
  • L’Amber che, come suggerisce il nome, è un malto ambrato, ottimo per le birre rosse, Bitter e Pale Ale.
  • Dark, estratto 100% d’orzo, decisamente scuro, da usare in piccole percentuali per conferire il colore scuro e un gusto tostato, come per le classiche Stout o Porter.

Impara per STEP:

Parti con un malto semplice, un kit luppolato. Fare la birra con il kit è facile e divertente, ma se vuoi ottenere la tua birra preferita, dovrai procedere a piccoli passi. Una volta prodotta la prima birra, potrai sbizzarrirti con le ricette e con i tipi di malti, fino a ottenere la bionda dei tuoi sogni.
Partendo dal kit si inizia a capire e conoscere il processo di preparazione, man mano si può passare ai malti non luppolati, E+G e infine all’All Grain dove si ha il pieno controllo di ogni step di preparazione.

Grazie ad un accordo con il BeerShop Beer & Wine, se vuoi acquistare un kit per la birra, i malti già preparati o qualunque altro ingrediente, usa il codice promozionale BIRRAIOLO-14 per approfittare subito dell’offerta!

NOTA: per tutti gli ordini superiori a 65 euro, le spese di spedizione sono gratuite in tutta Italia. Accordo valido fino al 31/12/2014

 

Tags: